Mutui 100 per 100 o mutui surroga? Guida al confronto, pro e contro dell’uno e dell’altro, info sui prodotti

Tutte le giovani coppie, o anche meno giovani, che intendono acquistare la loro prima casa oggi si trovano però a vivere in un periodo storico in cui è difficile risparmiare e avere delle buone risorse economiche da investire. Eppure, ci sono alcune possibilità che oggi sono disponibili per queste persone. Una di queste è ovviamente l’accesso ad un prestito o ad un mutuo. Tuttavia, c’è da dire che spesso i mutui per l’acquisto di una casa non prevedono l’erogazione di una liquidità che va oltre l’80% del valore dell’immobile a lavori ultimati. Questo significa quindi che tra tutte le spese che occorre considerare per l’acquisto di un immobile, almeno il 20% di queste spese devono essere rappresentate dai risparmi di chi ha la necessità di richiedere della liquidità per l’acquisto di una casa.

Se non si dispone di risparmi da investire nel breve periodo, occorre necessariamente trovare una banca o un istituto di credito che offra delle soluzioni di mutui che arrivino anche all’erogazione del 100% del valore dell’immobile da acquistare. Ci sono alcune banche e alcuni istituti di credito che oggi accettano di erogare questa tipologia di soluzione però solamente dietro la dimostrazione di garanzie economiche specifiche.

Mutui 100% per l’acquisto di una casa: info generali

I mutui per l’acquisto di una casa 100% sono dei mutui offerti oggi dalle banche e da alcuni istituti di credito, soprattutto per le giovani coppie che prevedono l’erogazione di un capitale che equivale al 100% del valore dell’immobile da acquistare. Naturalmente, il fatto di concedere delle somme di denaro così tanto elevate rappresenta un rischio per la banca. Si tratta di un rischio che spesso viene coperto dalla richiesta di condizioni, requisiti e garanzie economiche specifiche. Sono dei finanziamenti che tengono conto del rapporto tra la rata del mutuo e il reddito complessivo percepito. In questo modo, la banca ha una tutela economica riguardo la solvibilità del cliente e la sua affidabilità economica.

La concessione di questa tipologia di finanziamento rappresenta naturalmente un rischio economico maggiore per banche e finanziarie. Prevede la dimostrazione di garanzie economiche. Queste garanzie devono essere molto approfondite e precise. Inoltre, devono riguardare principalmente l’affidabilità economica e la situazione patrimoniale di chi li richiede. Questi finanziamenti possono comprendere ad esempio la sottoscrizione di una polizza di assicurazione fideiussoria. Si tratta di una polizza che ha lo scopo di coprire il 20% restante del valore dell’immobile rispetto all’80% massimo che di norma può essere erogato tramite questi finanziamenti.

Il cliente ha la possibilità di intestare questa polizza a sé stesso, ovvero pagarla personalmente, oppure intestarla all’istituto o alla banca che eroga il mutuo. In questo caso naturalmente, verranno applicati dei tassi di interesse maggiori per il pagamento della polizza. Se non abbiamo delle sicurezze economiche particolari, ci può essere richiesta anche un’ipoteca sull’immobile. Quest’ipoteca rappresenta quindi un’occasione che può fungere da tutela e da garanzia economica per le banche e gli istituti di credito che erogano questi tipi di mutui. In caso di insolvenza da parte del richiedente del mutuo, quindi, le banche e gli istituti di credito hanno la possibilità di appropriarsi dell’ipoteca e di venderla. Così, si può guadagnare il denaro di cui hanno diritto.

Mutui surroga: cosa sono?

Chi ha già un mutuo, oggi ha la possibilità di usufruire di alcune soluzioni a riguardo. La surroga è una procedura introdotta in Italia attraverso una legge del 2007, conosciuta anche come Legge Bersani. La surroga prevede la possibilità di trasferire a costo zero il proprio mutuo da un istituto di credito originario, ovvero dalla propria banca, ad una nuova banca o ad un nuovo istituto di credito. Permette quindi di mantenere lo stesso mutuo, però effettuando una sostituzione, per passare ad una soluzione più conveniente senza l’applicazione di costi aggiuntivi e con delle condizioni più favorevoli e agevoli.

La surroga quindi si sostituisce al mutuo precedente senza dover cancellare la vecchia ipoteca e procedere con una nuova procedura di richiesta di mutuo. Non occorre quindi effettuare una nuova iscrizione ipotecaria. In questo modo, si può scegliere la soluzione che risulta più conveniente per sé. La surroga è un mutuo di scopo. Viene concesso per un importo che è uguale al debito residuo del vecchio mutuo. Naturalmente, ci sono delle nuove regole alle quali il richiedente della surroga deve sottostare. Queste regole possono riguardare ad esempio le nuove regole applicate dal nuovo istituto di credito al quale ci si rivolge, oppure le condizioni di durata, il piano di ammortamento e i tassi di interesse.

Ciò che cambia sono alcuni aspetti, che spesso possono cambiare da una soluzione all’altra e in base alla banca alla quale ci si rivolge. Si può effettuare la surroga al giorno d’oggi per cambiare le condizioni e i tassi di interesse, oltre che altri aspetti che riguardano la concessione dei mutui. Tuttavia, non è possibile con questi mutui accedere ad una liquidità aggiuntiva. La surroga offre la possibilità di sostituire qualsiasi tipo di mutuo garantito da ipoteca, come nel caso ad esempio dei mutui 100% e di quelli destinati all’acquisto della prima casa. Sono diverse le tipologie di surroga che oggi si possono richiedere, tra le quali si possono trovare ad esempio quelle bilaterali e quelle trilaterali.

Vantaggi e svantaggi rispettivi

Ci sono naturalmente dei vantaggi e degli svantaggi che sono legati a queste due tipologie di mutui. Il vantaggio dei mutui al 100% riguarda la possibilità di ottenere delle somme di denaro che sono abbastanza elevate. Sono delle somme che possono coprire l’intero importo necessario per l’acquisto di un immobile o di una casa. Tuttavia, lo svantaggio è quello di dimostrare dei requisiti e delle garanzie economiche. È il caso della sottoscrizione di una polizza assicurativa, che spesso comportano delle spese aggiuntive e ulteriori.

Al contrario, la surroga è una tipologia di mutuo che permette di offrire delle condizioni più agevolanti per chi li richiede. Si tratta quindi di mutui che sono molto convenienti a seconda dei tassi di interesse della nuova banca alla quale ci si rivolge. Tuttavia, ci possono essere delle nuove regole alle quali è bene sottostare, ad esempio riguardo il piano di ammortamento oppure i tassi di interesse applicati.