Mutui 100 per 100: cos’è la perizia immobiliare e a cosa serve?

1169

Indice dei contenuti

Acquistare casa, è un investimento saggio e validissimo. Tuttavia richiede molto impegno, sia in termini pratici che economici. Proprio per tale ragione, spesso si è scoraggiati anche solo all’idea di vedersela con banche e mutui. Ma per raggiungere il proprio obiettivo, è comunque necessario essere coscienti di tutte le informazioni, impegnative e complesse che siano.

Prima di richiedere un mutuo, quindi, è bene sapere a cosa si andrà incontro. Qual è l’iter di valutazione della banca, le fasi che ne precedono la sottoscrizione e tutto quello che si ritiene essenziale al fine di formalizzarne la richiesta. Tra questi aspetti da conoscere, c’è anche la cosiddetta perizia immobiliare. Ma di che cosa si tratta con esattezza? Qual è il suo scopo? 

Nella guida che segue, parleremo più nel dettaglio non solo del mutuo Cento per Cento e delle sue corrispettive peculiarità e caratteristiche. Ma anche di una delle fasi essenziali che rendono fattibile l’ipotesi stessa del mutuo, ovvero la perizia sull’immobile. Se siete curiosi di scoprirne qualcosina in più, non perdiamo altro tempo! Vediamo insieme utili info e consigli pratici da seguire alla lettera!

Prima chiariamo un concetto. Che differenza c’è tra un mutuo standard e un mutuo Cento per Cento?

Ormai sempre più utenti, ambiscono ad accedere ad un mutuo Cento per Cento, poiché a discapito del mutuo tradizionale, permette di assicurarsi una copertura totale per ciò che riguarda il valore dell’immobile da acquistare. Ma cosa significa tutto questo? 

Comunemente, il mutuo concesso dalla banca, copre un tetto massimo dell‘80% del valore complessivo dell’immobile. La parte restante, verrà esplicitamente richiesta al beneficiario del mutuo. Assicurazioni, risparmi in denaro sul proprio conto in banca, ecc. Questo, logicamente, necessita di un dato impegno economico, sicuramente maggiore. E chi non possiede risparmi, in tal senso, vedrà sfumarsi la possibilità di acquistare casa. Fortunatamente, col mutuo Cento per Cento, la banca in questione dovrò farsi carico della copertura totale. Ciò vuol dire che, al beneficiario del mutuo, verranno domandate solo le necessarie garanzie così da consolidare e puntualizzare il reintegro del capitale erogato dall’ente bancario. Ma quali sono le garanzie volute dalla banca? 

Identificate come garanzie integrative, per accedere ad un mutuo Cento per Cento, bisognerà:

  • Sottoscrivere una polizza di assicurazione fideiussoria. 
  • Permettere l’ingresso nella trattativa della figura di un garante. 
  • Confermare l’ipoteca sull’immobile da acquistare. 

Queste saranno inevitabili, se lo scopo è quello di ottenere il mutuo in questione.

A cosa serve la perizia immobiliare? Ecco tutto quello che devi sapere in merito!

Al momento della richiesta di un qualsiasi tipo di mutuo ad una banca o finanziaria che sia, essa in primis avvierà una serie di valutazioni generali al fine di constatare e successivamente, definire, se ci siano o meno i presupposti per concedere un determinato mutuo per l’acquisto della casa. Una delle analisi più importanti, risulta essere proprio la perizia immobiliare. Ma perché? Scopriamolo subito!

Logicamente, prima di erogare un mutuo, la banca, mediante apposita perizia immobiliare, potrà accertarsi se, l’effettivo ammontare richiesto dal cliente, rispecchi il valore complessivo dell’immobile in questione. La prima fase, è quella di avvalersi di un perito. La banca, incaricherà una figura professionale del genere, che mediante accurati accertamenti definirà per certo il valore della casa. Quindi in sintesi:

  • Il perito controllerà e definirà in dettaglio il valore dell’immobile. 
  • Verranno allegati i documenti che ne accertino ciò che è stato dichiarato e la sua storia catastale. 

Come avviene all’atto pratico una perizia immobiliare? 

Prima di avviare la perizia, è chiaro che il cliente in primis che richiede il mutuo, dovrà fornire alla banca una serie di documentazioni utili per portare a termine la valutazione. Ecco quali sono:

  • Documenti inerenti alla provenienza dell’immobile: legittimità urbanistica, se vi sono stati eseguiti lavori, ecc. 
  • Documentazione di tipo catastale: documenti che attestano la regolare registrazione al catasto dell’immobile. Utile anche a verificare se vi sono ipoteche in corso e forniscono anche informazioni su ciò che riguarda la planimetria ufficiale dell’abitazione. 
  • Documenti che attestino la legittimità territoriale dell’immobile: si valutano se sono stati utilizzati materiali idonei per la fabbricazione, se la casa è stata costruita prima del 1967 e se è necessario, nel caso di bisogno, sanare qualche mancanza o noncuranza. 

Chi fornisce la documentazione necessaria per l’avvio della perizia immobiliare?

Generalmente, i modi per entrare in possesso della documentazione utile al fine di far eseguire la corretta perizia, sono reperibili sia negli uffici di pertinenza, sia a volte dallo stesso venditore dell’immobile. Per tanto, non sarà difficile poterli reperire.

A chi serve davvero la perizia immobiliare per l’accensione del mutuo?

In realtà, la perizia immobiliare è utile a entrambe le parti, ovvero sia all’ente di credito in procinto di erogare il mutuo, sia al potenziale cliente di esso. Questo perché verranno messe in regola e chiarite una serie di informazioni essenziali che determinano ogni aspetto dell’immobile preso in esame.

Oltre a ciò, per l’ente di credito erogatore, la perizia immobiliare ha anche un valore in termini di garanzia. Venendo dichiarato in modo ufficioso il valore della casa, la banca, in caso di inadempienza da parte del cliente, potrà fare richiesta di reintegro del capitale giustificandone il valore.

Conclusioni e consigli utili.

Abbiamo quindi appreso, che la perizia immobiliare, risulta a tutti gli effetti una procedura a dir poco essenziale sia per la banca che per il cliente che farà richiesta di un mutuo. Risulta essere una fase fondamentale che aiuta a chiarire e mettere nero su bianco, una serie di informazioni inerenti all’immobile, che avvalora e giustifica sia la richiesta della somma dl mutuo, sia nel caso di inadempienza, la pretesa di riottenere il preciso capitale concesso che rispecchierà il valore dichiarato.

Prima di fare richiesta di un mutuo, è possibile tramite siti online, verificare in prima persona l’ipotetico valore dell’immobile. Quindi farsi già un’idea di quale somma richiedere alla banca attraverso il mutuo. Tuttavia, successivamente, sarà la banca stessa a mettere in campo un perito assunto appositamente.

A questo punto, chiariti i concetti chiave, non ci resta che augurare a voi tutti la miglior scelta di mutuo per la vostra casa!

ANNUNCIO PUBBLICITARIO: Offerta non relativa alle eventuali finanziarie e/o banche citate nell'articolo ma trattasi di affiliazione pubblicitaria