Mutui 100 per 100 o tradizionale? Confronto, pareri, cosa scegliere

125

Indice dei contenuti

I mutui sono delle soluzioni di credito al consumo che ti permettono di ottenere una certa liquidità, di solito per l’acquisto di un bene specifico. Spesso si parla di mutui nel caso ad esempio dell’acquisto di una casa o di un immobile. Le banche e le finanziarie che oggi offrono queste tipologie di forme di credito al consumo sono numerose. Allo stesso tempo, sono numerose anche le tipologie di mutui che oggi si possono richiedere e trovare ad esempio anche on-line.

Sono dei finanziamenti che ti permettono di ottenere una somma di denaro più o meno elevata, a seconda dei casi e delle singole soluzioni di finanziamento. Questa somma di denaro può essere utilizzata spesso per l’acquisto di una casa di un immobile o di un altro tipo di bene. Questa guida ti aiuta a capire meglio che cos’è un mutuo e qual è la principale differenza tra i mutui tradizionali e i mutui cosiddetti 100%.

Mutui 100%: cosa sono e come funzionano

I mutui 100% sono dei finanziamenti che vedono l’erogazione di una somma di denaro che è pari al 100% del valore di una casa o di un immobile. Questa percentuale viene stabilita naturalmente in base al valore stesso dell’immobile della casa che si intende acquistare. Tale valore viene determinato in base agli studi di perizia. Questi devono essere eseguiti da un personale qualificato. La banca quindi anticipa a chi desidera acquistare l’immobile tutto l’importo necessario per portare a termine l’acquisto dell’immobile. Non si tratta però di una soluzione che può essere davvero conveniente e allettante per tutte le occasioni e per tutti i soggetti.

È molto importante quindi determinare con attenzione se una certa tipologia di mutuo può andare bene per noi, oppure no. Si tratta quindi di un prestito che consente di finanziare l’importo intero dell’immobile o della casa che si intende acquistare. È una percentuale che va oltre l’80% massimo previsto a norma di legge dai mutui cosiddetti tradizionali. Di solito, il rimborso di questi mutui avviene attraverso delle rate mensili in un arco di tempo che può arrivare anche fino ai 30 anni. Di solito, però, questo tempo non è inferiore ai 20 anni.

Naturalmente, ci sono delle garanzie economiche che sono previste da banche e finanziarie per la concessione di questi mutui. Queste garanzie possono riguardare la necessità della firma di un fideiussore, oppure la necessità di applicare un’ipoteca su un immobile che si intende acquistare o su un altro immobile di proprietà.

Mutui tradizionali

I mutui tradizionali, al contrario, sono dei mutui che secondo la normativa attuale permettono l’erogazione di un capitale di denaro che non eccede l’80% del valore massimo dell’immobile o della casa che si intende acquistare. Questo significa quindi che questo 80% viene calcolato sulla base del valore complessivo dell’immobile. Si tiene conto dei risultati della perizia che viene eseguita sull’immobile stesso o sulla casa che si intende acquistare. Si tratta di una soluzione particolarmente utile, soprattutto per chi non ha la possibilità di dimostrare delle garanzie economiche aggiuntive, come ad esempio la sottoscrizione di una polizza di assicurazione.

Sono dei mutui molto popolari e gettonati al giorno d’oggi. Consentono infatti di richiedere e di ottenere delle somme di denaro abbastanza elevate. Non c’è l’applicazione di tassi di interesse che sono molto elevati, a differenza di come accade invece con i mutui al 100%. I mutui tradizionali prevedono anche un rimborso attraverso delle rate mensili. Queste rate devono essere versate alla banca o all’istituto di credito mensilmente a chi ci ha concesso il mutuo.

Non sono dei mutui ipotecari. Questo significa che per ottenere questi mutui non è prevista la sottoscrizione di un’ipoteca su un immobile di proprietà o su quello che si intende acquistare. Sono dei mutui che prevedono quindi dei limiti di fondiarietà che sono ben precisi e stabiliti a norma di legge.

Confronto e differenze

Ci sono degli aspetti che differenziano molto queste due tipologie di mutui. I mutui tradizionali prevedono l’erogazione di somme di denaro che possono arrivare al massimo fino all’80% del valore dell’immobile da acquistare. Al contrario, i mutui al 100% offrono la possibilità di acquistare un immobile anche per chi non ha delle somme messe da parte o a chi ha pochi risparmi. Allo stesso tempo, ci sono naturalmente degli aspetti da valutare da questo punto di vista. Da una parte è vero che con i mutui 100% si offrono delle somme di denaro molto elevate per coprire fino al 100% del valore dell’immobile. Allo stesso tempo però, è anche vero che a questi mutui di solito vengono applicati dei tassi di interesse molto elevati.

Questi mutui vedono anche delle condizioni che sono particolarmente rigide, soprattutto per quanto riguarda la loro richiesta e le garanzie economiche richieste. I mutui tradizionali al contrario non sono adatti per chi non ha dei risparmi messi da parte e per chi non ritiene sufficienti i propri soldi. Allo stesso tempo, però, queste tipologie di mutui prevedono l’applicazione di tassi di interesse che spesso sono molto ridotti o comunque convenienti. Si tratta quindi di una scelta molto importante da compiere. Occorre fare tale scelta sulla base delle proprie esigenze economiche e di una valutazione delle garanzie e dei requisiti che abbiamo la possibilità di presentare per ottenere questi mutui.

Quale mutuo scegliere?

Sono molte le persone che si trovano in difficoltà nel momento in cui devono scegliere tra la richiesta di un mutuo 100% e la richiesta di un mutuo tradizionale, ovvero all’80%. La scelta dipende principalmente dalle nostre necessità economiche e da quante garanzie economiche siamo in grado di dimostrare. Se non abbiamo molti risparmi messi da parte, ma abbiamo la possibilità di dimostrare delle garanzie come ad esempio delle ipoteche, allora il mutuo 100% può essere la soluzione migliore per noi. In questo modo, avremo la possibilità di ottenere la somma di denaro totale senza dover sborsare niente da parte nostra per l’acquisto integrale dell’immobile.

Al contrario, se abbiamo un po’ di risparmi messi da parte, ma poche garanzie economiche da dimostrare, come ad esempio la sottoscrizione di una polizza, allora in questo caso il mutuo tradizionale ovvero all’80% può essere la soluzione migliore per noi.